Siamo arrivati a festeggiare dieci anni di Red Glove, sarebbe facile metterci qui a sfogliare l’album dei ricordi, snocciolare successi e le pietre miliari, invece a noi piace poco autocelebrarci, piuttosto ci piace guardare alla red glove di oggi per raccontarvi quella di domani. Niente quanto il nostro motto spiega chi siamo: “we design your fun”. Creiamo divertimento. Anche qui potremmo spendere fiumi di parole, ma la farò breve: quanti editori italiani conoscete che pensano, sviluppano, creano da zero i loro giochi, supportandoli per anni? Nella risposta sta il DNA che caratterizza Red Glove e lo rende un player unico del panorama italiano (eh si! ho buttato lì la frasona!). Per farla facile a me piace pensare a Red Glove come un creativo, uno che da vita a cose belle e per ’fortuna’ apprezzate. Come ogni creativo però soffre di un vizio congenito, la difficoltà di alzare lo sguardo dal foglio e comunicare al mondo quello che sta facendo. E questo il nostro proposito da oggi: una Red Glove più social, più aperta, più propositiva verso l’esterno. E quale modo migliore di cominciare se non dando un nome a chi E’ Red Glove?

14883459_10207052868435243_7607867382780573305_o

Federico Dumas: Da una sua idea Red Glove è nata e cresciuta fino a diventare ciò che è oggi: gente che crea giochi, partendo da un’idea fino ad arrivare al vostro tavolo!
Simona Lombardo: “dietro un grande uomo..” no vabeh! banalità a parte, è il compagno di avventure più fedele di Federico, anche nella vita. Certamente la figura che più d’ogni altra concretizza tutto il fantastico lavoro dello staff Red Glove
Guido Favaro: Non in molti possono vantare un art director. Un rapporto consolidato nel corso degli anni fino a quando si è capito che l’identità di Red Glove non poteva prescindere da uno stile grafico oltre che di game design!
Fabio Lupetti: Da stagista tuttofare a assistente alla produzione, chi lo conosce sa bene di che stiamo parlando di un vero e proprio “personaggio”, probabilmente incarna l’aspetto più spensierato e divertito di Red Glove, ma quando il gioco si fa duro..
Ilenia Giannecchini: Non tutti sanno che i prodotti Red Glove sono MADE IN ITALY! e non tutti sanno che ogni nostro gioco è impacchettato a mano. Ilenia rappresenta quindi l’aspetto più artigianale di Red Glove, ma senza il suo lavoro non potremmo vantare tanta italianità!
Dimostratori: Lo sapete, se un gioco vi viene spiegato male, non vi piacerà. Mai! Se quindi i nostri giochi entusiasmano tutti durante le fiere è perché abbiamo un invidiabile staff di dimostratori (non facciamo nomi perché davvero, siamo grati a ognuno di loro) è il loro contagioso entusiasmo che rende le vostre prime partite un po’ speciali.
Alexander Quarella: Io sono appena arrivato, quindi non ho storie interessanti da raccontare ma, come ‘lunga mano’ di Red Glove, mi impegnerò a raccontarvi tutte le fantastiche avventure che un editore come Red Glove è chiamata ad affrontare quotidianamente!

Restate sintonizzate, abbiamo appena cominciato!